50 anni di Corto Maltese

La splendida mostra bolognese dedicata a Hugo Pratt e ai 50 anni del suo personaggio
Locandina della mostra "HUGO PRATT e CORTO MALTESE - 50 anni di viaggi nel mito" a Palazzo Pepoli a Bologna, 4 novembre 2016 - 19 marzo 2017
La locandina della mostra

Dal 4 novembre 2016 al 19 marzo 2017  Palazzo Pepoli, sede del Museo della Storia a Bologna, ospita la mostra HUGO PRATT e CORTO MALTESE – 50 anni di viaggi nel mito per conto di CMS.Cultura, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e Genus Bononiae.

In collaborazione con la Cong – Hugo Pratt Art Properties, l’esposizione presenta ben oltre 400 opere dell’autore veneziano tra originali, disegni, acquerelli, chine e riviste. All’ingresso il visitatore viene accolto dagli ampi e ariosi spazi del Museo e lentamente portato, come per mano, di stanza in stanza, a conoscere Hugo Pratt e le vicende della sua vita e della sua carriera. All’inizio le sale sono piccole e raccolte, offrendo poco alla volta riviste del tempo, documenti, disegni e acquerelli originali. In una sala, un videodocumentario narra in maniera completa ed esauriente la vita di Pratt: la nascita, la famiglia, gli amori, i luoghi visitati, gli espedienti, i successi e le passioni.

Corto Maltese insieme ad autori della Letteratura: Arthur Rimbaud, Henri de Monfreid, Jack London e Rudyard Kipling
Corto Maltese e autori della Letteratura

In una mostra all’insegna di Corto Maltese, proseguendo, il visitatore ha il piacere di vedere tracce di altre opere come Anna della Giungla, Ernie Pike, La giustizia di Wathee del Sg.t Kirk e degli Scorpioni del Deserto, immerso in un continuo rimando ad autori letterari come Jack London, Rudyard Kipling, Joseph Conrad, W. Yeats, A. Rimbaud e J.l. Borges, e maestri del fumetto mondiale come Milton Caniff e Héctor Oesterheld.

Ma è arrivando nella sala finale, la principale e la più grande, che si rimane a bocca aperta: la parete più lunga è completamente addobbata da tutte le 164 tavole originali de La Ballata del Mare Salato, la prima lunga storia del 1967 che testimonia l’origine – coprotagonista tra tanti – dell’avventuriero nato il 10 luglio 1887 a La Valletta, sull’isola di Malta, da la Niña de Gibraltar, gitana, e da un ignoto marinaio inglese della Cornovaglia.

Sala con tutte le tavole originali de La Ballata del Mare Salato
Le tavole de La Ballata del Mare Salato
Pandora, Cain e gil altri protagonisti de La Ballata del Mare Salato
Pandora, Cain e altri

 

Nella corte del Museo, con le sue piante esotiche e l’arredo di inizio secolo scorso che ne costituiscono elemento abituale, il giardino d’inverno sembra studiato appositamente per questo evento, portandoci con l’immaginazione in quelle lontane isole tropicali e sub-tropicali che hanno visto Corto e i tanti personaggi che l’hanno accompagnato.

Al termine della visita, l’ultima sala riproduce la Corte Sconta detta Arcana di Venezia dove poter scattar foto e selfie indossando il cappello da marinaio di Corto Maltese e sedendosi sul classico trono di vimini, invitati a taggare le foto all’insegna dell’hashtag #mostrapratt.

Pandora Groovesnore - acquerello
Pandora Groovesnore – acquerello
La penultima tavola de La Ballata del Mare Salato
La penultima tavola de La Ballata

 

L’intera mostra si rivela qualcosa di suggestivo, capace di stupire e coinvolgere non solo gli appassionati del fumetto ma anche chi non si è mai avvicinato al media o a questo genere. Da sempre Corto Maltese è stato sinonimo di spirito libero e di avventura, capace di far sognare chiunque si fosse avvicinato alle sue storie, alle sue avventure, venendo così a contatto con il pensiero di quell’autore, Hugo Pratt, che  viveva con intensità e vigore.

Se tutto ciò non dovesse bastare, sappia il visitatore che, proprio al termine del racconto visivo ed esperienziale, si troverà di fronte a quella che da molti è stata definita come la più bella tavola d’amore del fumetto.

Il momento dell'addio... o forse arrivederci tra Corto Maltese e Pandora Groosvenore
Il momento dell’addio… o forse arrivederci

Pierfilippo Dionisio

Carismatico leader di un mondo uranio contrapposto a quello ctonio, si ritiene esperto di tanatosi

In base ad una direttiva europea ed alle indicazioni del garante privacy, è necessario il consenso prima di conservare cookie nel browser. Continuando a navigare in questo sito si acconsente ad usare cookie anche di terze parti. Se pensate che questa informativa sia inutile, beh, questa è una sensazione abbastanza comune... ma è un obbligo di legge lo stesso. Scusate per il disturbo. Per ulteriori informazioni cliccate qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi