Il Cuore dista dallo Stomaco quanto uno Spaghetto.

Flavors of Youth (in cinese: 肆式青春, Se shi Qingchun; in giapponese: 詩季織々 (Shikioriori)) è un film d’animazione in tre episodi nato da una coproduzione tra lo studio di animazione cinese Haoliners Animation League e quello giapponese CoMix Wave Films. Il film è stato proiettato nei cinema giapponesi a partire dal 4 agosto 2018, a partire dallo stesso giorno Netflix ha iniziato la distribuzione internazionale via streaming anche col doppiaggio in italiano.

Xiao Ming scende dal taxi per raggiungere la nonna

Xiao Ming, è un giovane ragazzo cinese che nel primo episodio, Gli spaghetti di riso, si è trasferito a Pechino per lavoro, ma che, a causa della forte solitudine che prova in questo paese e una spiccata malinconia esistenziale, sente ancora la nostalgia per ciò che mangiava nel luogo in cui era nato ed aveva trascorso l’infanzia, come gli spaghetti di riso con la verdura di stagione, che la sua nonna gli comprava ogni giorno in un locanda gestita con metodi tradizionali da una coppia di coniugi senza figli che parlavano poco, ma lavoravano sodo per la soddisfazione della loro clientela. Dal finale della storia in cui il ragazzo rientra a casa con un volo aereo, a causa delle precarie condizioni di salute della nonna, si intuisce che fra Xiao Ming e i genitori non deve esserci molto dialogo. Il padre lo riceve sulla porta e non lo abbraccia, lo saluta con un gesto della testa e lo porta nella stanza da letto dove, la nonna è morente.

Il ricordo della nonna che gli porge la ciotola di cibo non scomparirà mai da suo cuore.

Se ne può intuire che probabilmente per ragioni famigliari non espressamente dichiarate nella vicenda, fu sempre la nonna a crescere Xiao Ming da bambino. E siccome la nonna gli procurava giornalmente questi spaghetti di riso con verdure di stagione, preparati da una coppia di marito e moglie senza figli che poi un giorno scomparvero dal paesello per ritornare al loro paese natio, crescendo e frequentando le scuole superiori, volge il suo sguardo verso un’altra coppia di coniugi che preparavano anche loro la stessa pietanza in una locanda vicino alla sua scuola. In qualche modo quindi la sua percezione di famiglia era sempre strettamente legata al cibo e sempre il cibo era ciò che faceva funzionare il legame che univa i coniugi che lui prendeva in qualche modo a riferimento dato che appunto in quegli anni della sua vita i suoi genitori appaiono sempre assenti. Così il ragazzo cresce visualizzando nel proprio immaginario ogni dettaglio di tali pietanze, sapendone ricordare le forme, i colori, le fragranze dei sapori: ricordava il gusto dei funghi porcini, la consistenza rigida delle Orecchie di Giuda, e le verzure saporite e l’uovo all’occhio di bue, il tutto immerso nel brodo.

Xiao Ming fanciullo contempla estasiato uno spaghetto di riso

E passando da un locale all’altro di Pechino dove lavora, si rammarica di come invece tali verdure non vengano più tagliate manualmente dando a ogni pezzo una forma diversa, ma vengano tagliate da dei macchinari che conferiscono loro a tutti i pezzi di verdura la stessa forma. Anche gli spaghetti di riso sembrano a lui artefatti rispetto a quelli che venivano preparati manualmente. Si rammarica poi dell’aumento dei costi a cui corrisponde non un miglioramento della qualità e dei sapori, ma un impoverimento dell’esperienza sensoriale del palato anche per il sempre più scarso utilizzo di prodotti genuini a vantaggio dei dadi di glutammato di sodio per la realizzazione dei brodi. Come affermava Sigmund Freud, il cibo e la sessualità sono connessi, così per Xiao Ming le sue pulsioni rivolte alla conservazione, combinate con la sua fame di famiglia feconda, così assente durante la sua infanzia e allo stesso tempo l’incapacità di darne inizio ad una propria, di famiglia, non avendo avuto una figura paterna che lo guidasse in questo processo di crescita della libido, rivolge le proprie prime emozioni verso il mondo femminile, collegando tali emozioni in qualche modo sempre alla sfera del cibo.

Xiao Ming adolescente che ode il cigolio della bicicletta del suo primo amore

Così, da adolescente, mentre mangiava il suo piatto di spaghetti di riso con verdure preparate vicino alla sua scuola, Xiao Ming si innamora di una ragazza che sempre all’ora del pasto gli passava accanto in bicicletta. Da notare che tutte le volte tale ragazza passava in bicicletta affiancata da una sua amica anch’essa in bicicletta, ma l’amica aveva i capelli corti, mentre quella che accendeva le guance di Xiao Ming lasciandolo senza fiato era la ragazza con i capelli lunghi castani racchiusi in una coda volteggiante. L’attrazione quindi verso questa fanciulla di un anno più grande di lui era in qualche modo coadiuvata dalla insolita similarità che tale chioma di capelli avevano per ai suoi occhi, messa a paragone con un piatto di lunghi spaghetti di riso nel loro brodo marrone e saporito.

La chioma castana della ragazza e come per Xiao Ming tale chioma gli ricordi una ciotola di spaghetti di riso nel loro brodo

Questo primo episodio, Hidamari non Chōshoku, titolo giapponese, è stato realizzato con la regia di Jiaoshou Yi Xiaoxing, di nazionalità cinese, con mirabile delicatezza e candore. E siccome spesso per conquistare qualcuno la via più efficace è passando dal suo stomaco, mettendo questo episodio all’inizio del lungometraggio, il pubblico del film ne rimane catturato e ben predisposto a gustarsi il resto della pellicola con gli altri due episodi di cui il secondo parla del modo di vestire e il terzo del luogo in cui si abita. Il lungometraggio mette quindi a confronto le 4 tematiche principe dell’esistenza: mangiare, vestire, abitare e … viaggiare. Il viaggio è infatti ciò che nel colpo di scena finale riunisce insieme i protagonisti delle tre storie.

l’estremo saluto alla nonna

Daniele J. Farah

Io credo che per ogni evento della vita l'individuo possieda un organo che gli consenta di superarlo. Il fumetto diventa un evento insuperabile se ci tocca in quell'organo che ha lo scopo di annichilire tutti gli altri. ... Non datevi pena ... l'ho scritto solo per perturbarvi.

In base ad una direttiva europea ed alle indicazioni del garante privacy, è necessario il consenso prima di conservare cookie nel browser. Continuando a navigare in questo sito si acconsente ad usare cookie anche di terze parti. Se pensate che questa informativa sia inutile, beh, questa è una sensazione abbastanza comune... ma è un obbligo di legge lo stesso. Scusate per il disturbo. Per ulteriori informazioni cliccate qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi