Silvia Ziche ritorna su Topolino!

Questo articolo è stato scritto per il nostro Pesce d’Aprile 2021 speriamo che vi divertirete a leggerlo quanto noi ci siamo divertiti a scriverlo

Pur essendo settimanalmente comparsa e donandoci altresì prove regolari introducendo l’edizione Disney/Panini con le sue strisce di “Che aria tira”, da un po’ di tempo non vedevamo sulle pagine di Topolino una storia di Silvia Ziche come autrice completa. Ebbene, l’attesa è finita perché da mercoledì prossimo, con il numero 3411, inizia la nuova saga “La Banda Bassotti e il furto quasi perfetto”. L’abbiamo letta integralmente in anteprima (grazie alla redazione!) e ve la raccontiamo di seguito. Inutile dirlo, ci sono degli spoiler, e non saranno piccoli, ma vi avviseremo per tempo su quando interrompere la lettura.

Nella storia, e questo lo si scopre già dall’anteprima pubblicata sul n.3410, viene introdotto un nuovo personaggio femminile: una cugina dei Bassotti, Belinda, che arriva a Paperopoli e si affianca alla scalcagnata banda nel tentativo di derubare Paperone. Essendo anch’essa una “Bassotta”, al pari dei cugini è testardamente ottimista sulle proprie possibilità di riuscita nell’impresa di svaligiare il Deposito, e ci proverà sfruttando la sua esperienza con le nuove tecnologie “social”.

Ok, iniziano gli spoiler. Finora sono anticipazioni minori, i più coraggiosi possono ancora continuare a leggere.

Belinda si presenterà a Paperone come esperta di social media e sfrutterà questo ruolo per introdursi nelle “segrete stanze” a caccia delle password dello Zione (tra cui la principale, la combinazione della piscina aurea).

Il piano di Belinda è praticamente perfetto (no, questo non ve lo anticipiamo), ma è ovviamente (trattandosi di una storia Disney) destinato a fallire. Come? Beh, stavolta arriva lo spoiler grosso, non dite che non vi abbiamo avvisati, siete ancora in tempo a interrompere la lettura e tornare qui tra due settimane, dopo aver letto entrambi gli episodi dell’avventura.

Bentornati! Che cosa avete fatto di bello a Pasqua? Ma soprattutto perché state leggendo qua, visto che ormai conoscete il finale della storia?

Per tutti coloro che non hanno avuto voglia di aspettare: il piano perfetto di Belinda viene messo a repentaglio da lei stessa, che lo rivela a Paperone un attimo prima che i suoi parenti Bassotti escano dal Deposito carichi di sacchi di monete. Tutto il piano era infatti una intricata vendetta ai danni di Nonno Bassotto, reo di aver abbandonato la sua compagna (la nonna di Belinda) molti anni prima. Ma il vero colpo di scena inaspettato è il nome della “Nonna Bassotta”: è proprio quello che il Nonno, che mai ha perdonato a se stesso l’abbandono, porta appuntato sul petto a monito perenne. Il suo “cartellino da carcerato” non indica infatti, come finora abbiamo sempre pensato, una riduzione di pena per buona condotta, ma il nome della sua amata lasciata sull’altare: Grazia.

E dopo questo rocambolesco (e assai poco disneyano) colpo di scena finale, ci aspettiamo che Belinda faccia di nuovo capolino sulle pagine del “Topo”, in quanto personaggio che sembra avere ancora molto da dire.

Perché è stupendamente caratterizzata e da adesso probabilmente ritornerà in “ladroneschi” episodi.

Luigi Ferrini

Mettere frasine d'effetto nelle informazioni biografiche è un artificio retorico che depreco

In base ad una direttiva europea ed alle indicazioni del garante privacy, è necessario il consenso prima di conservare cookie nel browser. Continuando a navigare in questo sito si acconsente ad usare cookie anche di terze parti. Se pensate che questa informativa sia inutile, beh, questa è una sensazione abbastanza comune... ma è un obbligo di legge lo stesso. Scusate per il disturbo. Per ulteriori informazioni cliccate qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi