Collaterali in edicola: i Classici del Fumetto di Repubblica

Siamo a metà circa degli anni ’90 quando scoppia in edicola il fenomeno dei cosiddetti collaterali: a quotidiani e riviste vengono sempre più spesso allegati libri, VHS, DVD a prezzi popolari, con un successo talvolta clamoroso.
Nel 2003 anche i fumetti entrano a far parte di queste iniziative, grazie alla collana denominata Classici del Fumetto, allegata a la Repubblica e realizzata in collaborazione con Panini Comics.

Il piano editoriale prevede all’inizio 30 uscite – inaugurate dall’albo dedicato al Corto Maltese di Hugo Pratt, con la sua classica Ballata del mare salato – che poi, visto il grande successo riscosso, raddoppiano fino a 60 albi brossurati settimanali in totale.

Se le dimensioni degli albi (15 x 21 cm) penalizzano i fumetti nati in altro formato e la scelta delle storie pubblicate è talvolta opinabile (piuttosto anonime, ad esempio, le due avventure dedicate a Tex), l’iniziativa ha senz’altro il pregio di offrire una panoramica che spazia in molti generi: 8 albi dedicati a personaggi bonelliani – Tex, Zagor, Mister No, Ken Parker, Martin Mystère, Dylan Dog, Nathan Never e Julia; 7 ai comics – Uomo Ragno, Devil, X-Men, Superman, Fantastici Quattro, Batman e Hulk; 5 a eroi disneyani – Topolino, Paperino, Zio Paperone, Pippo e Paperinik…

Tuttavia, a parere del sottoscritto, i fiori all’occhiello della collana risultano i numerosi albi monografici dedicati a grandi nomi del fumetto: Manara, Moebius, Magnus, Jacovitti ma anche altri autori meno mainstream quali ad esempio Pazienza, Toppi, Buzzelli, Eisner… Albi – considerato il prezzo (4,90 Euro l’uno) – davvero imperdibili anche se resta un pizzico di rammarico per Maus, di cui viene pubblicata soltanto la prima parte: Repubblica rimedierà pochi anni dopo, proponendo la versione completa della fondamentale opera di Spiegelman come primo numero di un’altra sua collana di collaterali, Graphic Novel.

La consulenza editoriale e le introduzioni sono affidate a Luca Raffaelli, che continuerà la sua collaborazione anche nelle successive collane pubblicate da Repubblica, comprese le Collezioni Storiche A Colori in gran formato (Tex, Zagor ecc.).

Ogni albo dei Classici del Fumetto si apre con una decina di pagine dedicate a personaggio / autori / storie pubblicate nonché agli aspetti tecnici (la rubrica Segnali di stile): come spesso capita in questi casi, le informazioni fornite da Raffaelli possono sembrare insoddisfacenti per i fan sfegatati del fumetto di cui parla di volta in volta, ma sono senz’altro molto utili per il target vastissimo cui la collana è rivolta (il primo numero, in omaggio con il quotidiano, raggiunge addirittura il milione di copie).

L’albo che ricordo con più piacere? Quello dedicato all’Arte di Jiro Taniguchi: per un lettore quasi esclusivamente bonelliano come il sottoscritto, praticamente digiuno della vastissima produzione giapponese e che quindi associava il termine “manga” a ben altro genere di storie, l’albo dedicato alle storie minimaliste di Taniguchi costituì a suo tempo una gradevolissima scoperta, la ciliegina sulla torta di una collana – come dicevo in precedenza – con molti pregi e qualche perdonabile difetto.

CLASSICI DEL FUMETTO
la Repubblica in collaborazione con Panini Comics
60 uscite settimanali
25 febbraio 2003 – 9 aprile 2004

————————
COLLATERALI IN EDICOLA – tutti gli articoli

Marco Gremignai

"Gremignai? Quello che si occupa dei fumetti Bonelli all'estero?" "Eh già... Notevole, per uno che viene da Peccioli"

In base ad una direttiva europea ed alle indicazioni del garante privacy, è necessario il consenso prima di conservare cookie nel browser. Continuando a navigare in questo sito si acconsente ad usare cookie anche di terze parti. Se pensate che questa informativa sia inutile, beh, questa è una sensazione abbastanza comune... ma è un obbligo di legge lo stesso. Scusate per il disturbo. Per ulteriori informazioni cliccate qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi