Bonelli in Francia: la Collection 2 heures 1/2

Quando ho recuperato il primo articolo scritto da Fabrizio Gallerani per uBC, dedicato alle pubblicazioni uscite per i cinquant’anni di Tex, ho (ri)scoperto che in quell’articolo era stato linkato un mio pezzo sulla collezione francese 2 heures 1/2, risalente alla prima metà degli anni Novanta e dedicata ai “nuovi eroi” Bonelli. La destinazione naturale di quel mio pezzo sarebbe quindi stata la rubrica uBC Story, ma avendo ampliato il testo originale ho preferito invece inserirlo nella rubrica Bonelli forever.

In Francia, i fumetti Bonelli hanno sempre avuto un discreto successo, a partire naturalmente da Tex che era già pubblicato negli anni Cinquanta, mentre Zagor è stato pubblicato per molti anni da un editore di Lione: gli albi avevano un formato diverso da quello italiano, come spiegato in dettaglio nell’interessante articolo in cui abbiamo parlato della pubblicazione di Mister No in Francia. Va ricordato che, per quanto riguarda i fumetti, il pubblico francese è abituato agli albi cartonati a colori, in gran formato, di 48 pagine circa, senza periodicità fissa e generalmente disegnati dallo stesso autore: tutto il contrario, insomma, della tipica serialità bonelliana mensile (albi brossurati mensili di 100 pagine in bianco e nero, con disegnatori che variano continuamente).

Date queste premesse, la collezione 2 heures 1/2 (“2 ore e mezzo”, ovvero il tempo stimato per la lettura delle 300 pagine circa di ogni albo) costituì un interessante esperimento editoriale: si trattava di venti volumi apparsi con cadenza trimestrale dal 1993 al 1995 grazie alla collaborazione tra la Sergio Bonelli Editore e la casa editrice Glénat di Grenoble. In questa collezione vennero pubblicati, in bianco e nero nel formato 18 x 23 cm, i “nuovi eroi” della Bonelli che avevano esordito in Italia tra il 1982 e il 1991: Martin Mystère, Dylan Dog, Nick Raider e Nathan Never. Ogni volume era venduto a 59 franchi che corrispondevano, all’epoca, a 18.000 lire circa: per fornire una pietra di paragone, nel 1993 un albo bonelliano – quindi di 100 pagine – costava “solo” 2.500 lire. Il prezzo può quindi sembrare molto elevato, ma bisogna ricordare che un singolo volume della collezione costava poco più di un cartonato francese.

La collezione debutta a maggio 1993 con quattro albi pubblicati contemporaneamente: ciascuno di essi è dedicato al primo numero del rispettivo personaggio, mentre le uscite successive prevedono due albi per volta. Come dicevamo, la cadenza è trimestrale ad eccezione dell’intervallo tra gli albi 7 e 8 – pubblicati a novembre 1993 – e gli albi 9 e 10, che vengono pubblicati dopo due mesi invece di tre (e cambiando, curiosamente, il colore della costa laterale che da nera diventa bianca). In quarta di copertina, i lettori francesi potevano trovare una breve descrizione di ciascun personaggio e delle avventure pubblicate nel volume.

La collezione termina ad aprile 1995, con l’uscita degli albi 19 e 20. Scelta editoriale ponderata sin dall’inizio? Interruzione a causa delle scarse vendite? Da nessuna parte sono riuscito a trovare indicazioni precise al proposito, né girovagando in Internet né consultando il secondo volume del catalogo Tutto Bonelli

Vediamo più da vicino alcune caratteristiche della collezione.

– Ogni volume presenta in copertina un titolo, tratto da una delle avventure presenti all’interno. Tale titolo fa riferimento alla prima avventura del volume o a quella più “rappresentativa”, con la curiosa eccezione del primo volume dedicato a Nathan Never intitolato La force invisible e non, come ci si sarebbe potuto aspettare, Agent Spécial Alfa.
– Tutti i titoli delle avventure pubblicate vengono tradotti letteralmente, con variazioni minime (del tipo La frontière per Linea di confine) ad eccezione di un’avventura di Martin Mystère: Dieci anni dopo diventa infatti Le mystère de la Sagrada Familia.
– I primi quattro numeri, pubblicati contemporaneamente a maggio 1993, propongono un quadro d’assieme di ciascun personaggio: scontata, quindi, la presenza dei numeri uno di ogni serie (ma – anche in questo caso – con un’eccezione, stavolta per Nick Raider).
– Ogni volume resta in un ambito stilistico il più possibile uniforme, raggruppando avventure SEMPRE scritte dai creatori dei personaggi – Tiziano Sclavi, Alfredo Castelli e Claudio Nizzi – e illustrati da un unico disegnatore. Fa naturalmente eccezione Nathan Never, sia perché i creatori (Medda, Serra & Vigna) sono tre, sia perché i disegnatori variano da un’avventura all’altra per tre volumi su cinque.
– L’unica eccezione a proposito degli albi sempre scritti dai creatori di Dylan, Martin e Nick è costituita da Michele Medda, che – oltre ad alcune delle avventure di Nathan Never – scrive anche un’avventura di Nick Raider (Castelli è affiancato da altri autori in un paio di occasioni).
– Per quanto riguarda le copertine, l’autore è Claudio Villa ad eccezione dei primi tre volumi di Nathan Never – numeri 3, 6 e 12 – le cui copertine sono disegnate da Claudio Castellini. Villa reinterpreta le copertine degi albi originali italiani, ma talvolta l’immagine si riferisce a un’avventura diversa da quella indicata nel titolo (come avviene ad esempio per l’albo Cagliostro).
– A proposito di disegnatori, merita una segnalazione il “successo” personale di Giampiero Casertano e Corrado Roi, in quanto sono gli unici presenti con due personaggi diversi – Dylan e Martin. Tutti gli autori sono comunque elencati in dettaglio alla fine dell’articolo.
– I testi originali sono stati tradotti in modo piuttosto puntuale anche se non eccezionale, diciamo senza infamia e senza lode: va comunque ricordato che non è semplice tradurre, ad esempio, i nonsense e i giochi di parole di Groucho.
– Sarei curioso di sapere quale fu la reazione dei lettori francesi quando, nell’avventura di Martin La falce del druido – contenuta nel n° 17 della Collezione – si imbatterono in Celerix, libera reinterpretazione di Asterix (che Oltralpe è considerato un vero e proprio “eroe nazionale”), in un’avventura che presentava gli abitanti invincibili di un villaggio francese, trasmutati in licantropi, alle prese con alcuni nazisti proseliti del Quarto Reich…
– Come dicevamo, in totale vennero pubblicati 20 volumi, però non ripartiti equamente: alla fine, sei vennero dedicati a Dylan e Martin, cinque a Nathan e soltanto tre a Nick. Anche in questo caso, però, non ho trovato alcuna indicazione dei motivi di questa scelta: posso solo ipotizzare che il noir realistico fosse stato, fin dall’inizio, meno preso in considerazione rispetto all’horror, al mystero e alla fantascienza degli altri tre personaggi.

Qui di seguito, l’elenco completo dei volumi e degli autori, con le miniature delle copertine (cliccare per ingrandire).


1. Dylan Dog 1 (5.93): L’aube des morts vivants
L’aube des morts vivants (L’alba dei morti viventi, DD 1) /
Morgana (DD 25) /
Histoire de personne (Storia di nessuno, DD 43)

Testi di Sclavi, disegni di Stano


2. Martin Mystère 1 (5.93): Les hommes en noir
Les hommes en noir (Gli uomini in nero, MM 1) /
L’épée de Roi Arthur (La spada di Re Artù, MM 15-16)

Testi di Castelli, disegni di Alessandrini

 


3. Nathan Never 1 (5.93): La force invisible
a) Agent Spécial Alfa (Agente Speciale Alfa, NN 1) /
b) La force invisibile (Forza invisibile, NN 5) /
c) Terreur dans l’Arctique (Terrore sotto zero, NN 6)

Autori: a) Serra/Castellini – b) Medda/Toffanetti – c) Vigna/Bonazzi


4. Nick Raider 1 (5.93): L’affaire Géronimo
L’affaire Géronimo (L’affare Geronimo, NR 6) /
Hold-up tragique (Tragica rapina, NR 38) /
Images de mort (Immagini di morte, NR 45)

Testi di Nizzi, disegni di Ramella


5. Dylan Dog 2 (8.93): Mémoire de l’invisible
A travers le miroir (Attraverso lo specchio, DD 10) /
Mémoire de l’invisible (Memorie dall’invisibile, DD 19) /
Après minuit (Dopo mezzanotte, DD 26)

Testi di Sclavi, disegni di Casertano


6. Nathan Never 2 (8.93): Zone interdite
a) Zone interdite (La zona proibita, NN 7) –
Les hommes ombre (Uomini ombra, NN 8) /
b) Les yeux d’un inconnu (Gli occhi di uno sconosciuto, NN 9)

Autori: a) Serra/Mari – b) Medda/Casini


7. Martin Mystère 2 (11.93): Fantôme à Manhattan
Fantôme à Manhattan (Fantasmi a Manhattan, MM 64-65) /
La vengeance de Râ (La vendetta di Râ, MM 2-3)

Testi di Castelli, disegni di Alessandrini

 


8. Dylan Dog 3 (11.93): L’Alfa et l’Oméga
Le fantôme de Anna Never (Il fantasma di Anna Never, DD 4) /
L’Alfa et l’Oméga (Alfa e Omega, DD 9) /
Jekill! (DD 33)

Testi di Sclavi, disegni di Roi


9. Martin Mystère 3 (1.94): Les enfants du rêve
Les enfants du rêve (I figli del sogno, MM 26-27) /
°Le retour des Kundingas (Il ritorno dei Kundingas, MM 35-36) /
Le mystère de la Sagrada Familia (Dieci anni dopo, MM 121)

Testi di Castelli, disegni di Alessandrini (°: con G. & G. Cassaro)


10. Dylan Dog 4 (1.94): Cagliostro
Cagliostro (DD 18)
Le retour du monstre (Il ritorno del mostro, DD 8) /
Grand Guignol (DD 31)

Testi di Sclavi, disegni di Piccatto


11. Nick Raider 2 (4.94): Chasse à l’homme
Chasse à l’homme (Caccia all’uomo, NR 9) /
La toile de l’araignée (La tela del ragno, NR 12) /
Vengeance implacable (Vendetta implacabile, NR 15)

Testi di Nizzi, disegni di Caramuta


12. Nathan Never 3 (4.94): Au delà des étoiles
a) Au delà des étoiles (Oltre le stelle, NN 13) /
b) Le gouffre des souvenirs (L’abisso delle memorie, NN 18) –
Le 11e commandement (L’undicesimo comandamento, NN 19)

Autori: a) Medda, Serra & Vigna/Bonazzi – b) Medda/Mari)


13. Martin Mystère 4 (7.94): Temps Zéro
Temps Zéro (Tempo Zero, MM 46-48) /
°Le petit peuple (Il piccolo popolo, MM 76-77)

Testi di Castelli (°: con Medda, Serra & Vigna), disegni di Freghieri

 


14. Dylan Dog 5 (7.94): Canal 666
Canal 666 (Canale 666, DD 15) /
L’île mystérieuse (L’isola misteriosa, DD 23) /
Enfers (Inferni, DD 46)

Testi di Sclavi, disegni di Ambrosini


15. Nathan Never 4 (10.94): L’heure de la vengeance
a) Terre brûlée (Terra bruciata, NN 14) –
Les pillards du desert (I predoni del deserto, NN 15) /
b) L’heure de la vengeance (L’ora della vendetta, NN 20)

Testi di a) Medda e b) Serra & Memola, disegni degli Esposito Bros


16. Nick Raider 3 (10.94): L’enlèvement
a) La valise ensanglantée (La valigia insanguinata, NR 8) /
b) L’enlèvement (Il rapimento, NR 19) /
c) La frontière (Linea di confine, NR 43)

Testi di a / b) Nizzi e c) Medda, disegni di Capitanio


17. Martin Mystère 5 (1.95): L’invention diabolique
°La faucille du Druide (La falce del druido, MM 50-51) /
L’invention diabolique (La diabolica invenzione, MM SP4)

Testi di Castelli (°: con Pennacchioli) e disegni di Casertano

 


18. Dylan Dog 6 (1.95): Zed
Le mal (Il male, DD 51) /
Le terreur qui vient de l’infini (Terrore dall’infinito, DD 61) /
Zed (DD 84)

Testi di Sclavi, disegni di Brindisi


19. Nathan Never 5 (4.95): Au coeur des ténèbres
Délire (Delirio, NN 21) /
Au coeur des ténèbres (Cuore di tenebra, NN 27) /
La dernière vague (L’ultima onda, NN 29)

Testi di Vigna, disegni di Casini


20. Martin Mystère 6 (4.95): La secte des assassins
La secte des assassins (La setta degli assassini, MM 88-90) /
Le virus électronique (Il virus elettronico, MM 80-81)

Testi di Castelli, disegni di Roi

 


————————
BONELLI FOREVER – tutti gli articoli

Marco Gremignai

"Gremignai? Quello che si occupa dei fumetti Bonelli all'estero?" "Eh già... Notevole, per uno che viene da Peccioli"

In base ad una direttiva europea ed alle indicazioni del garante privacy, è necessario il consenso prima di conservare cookie nel browser. Continuando a navigare in questo sito si acconsente ad usare cookie anche di terze parti. Se pensate che questa informativa sia inutile, beh, questa è una sensazione abbastanza comune... ma è un obbligo di legge lo stesso. Scusate per il disturbo. Per ulteriori informazioni cliccate qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi